Attestato di pubblica benemerenza per lo stato di emergenza per Coronavirus.

Attestato di pubblica benemerenza per lo stato di emergenza per Coronavirus.

Oggetto: Attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione Civile per lo stato di emergenza in conseguenza dei rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili Coronavirus. Territorio nazionale (COD. 1 14).

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile ha annunciato che sono stati aperti i termini per presentare le eventuali candidature relative alla concessione dell’attestato di pubblica benemerenza al personale che abbia partecipato allo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da apenti virali trasmissibili Coronavirus (cod. 114).
Ciò stante, gli uffici.in indirizzo.sono pregati di-segnalare le candidature del personale della Polizia di Stato dipendente e di altri uffici e/o Reparti della Polizia di Stato, anche di altre province, che abbia meritoriamente partecipato, per un periodo non inferiore si 15 giomi anche non continuativi, all’operazione di protezione civile sopraindicata distinguendosi per le significative capacità propositive e gestionali 0 singolari doti di altruismo ed abnegazione.

Si voglia, altresì, riferire se detto personale sia stato già segnalato per lo stesso evento, ai fini della concessione di ricompense.

Per quanto sopra, si prega voler far pervenire per ciascun candidato la  sottoelencata documentazione, entro il giorno 30 settembre 2020, attenendosi scrupolosamente alle disposizioni previste dagli allegati Dccreti delia Presidenza del Consiglio dei Ministri datati rispettivamente 5 maggio 2014 (art. 2 e art. 3) e 20 marzo 2015 (art. 2):

  • un curriculum che dovrà contenere tutti i dati anagratici, nome, cognome, luogo e
    data di nascita, codice fiscale, data di arruolamento, qualifica rivestita, reparto di
    appartenenza, uffici presso cui ha prestato servizio, benemerenze possedute e
    eventuali ricompense;
  • una dettagliata relazione sulle circostanze che rendono effettivamente moritoria la
    partecipazione alle operazioni di protezione civile relative alla proposta di
    benemerenza nonché sugli atti che hanno concorso ad elevare l’immagine del
    sistema della protezione civile nazionale;
  • una dichiarazione altestante l’anzianità di servizio del segnalato di almeno 5 anni
    presso l’organismo di appartenenza;
  • una dichiarazione che attesti la presenza nei luoghi interessati alle operazioni di protezione civile
    relative alla proposta di benemerenza per un periodo non inferirore a  15 giorni, anche non consecutivi;
  • un’autocertificazione del segnalato che attesti di non essere stato condannato per
    delitti non colposi e di non essere imputato in procedimenti penali per delitti non
    colposi; nonché di essere esente da pregiudizi fiscali o relativi alla regolarità
    contributiva.

Si richiama, altresì, l’attenzione sul disposto dell’art. 2 comma 2 del citato o decreto del 20 marzo 2015, a norma del quale non possono essere avanzato istanze prima che siano trascorsi tre anni dalla precedente concessione di attestato di pubblica benemerenza della Protezione Civile.

Sì evidenzia che la concessione dell’attestazione di pubblica benemerenza è regolata dal DPCM del 5 mapgio 2014 e pertanto si invita ad attenersi ai criteri e ai requisiti previsti dal citato decreto e dalla circolare emanata in data 25 giugno u.s. che per pronto riscontro si allega in copia.
Al fine di snellire l’iter procedurale, si allega fac-simile della modulistica da utilizzare.

Si resta in attesa di cortese riscontro, anche in caso di esito negativo, all’indirizzo di posta certificata (PEC):
dipps.559a servizioaagg@pecps.interno.it

La circolare

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS